Formazione professionale in ricerca e pratica
Editore SGAB Logo
Valutazione del programma KV4.0 presso il BZWU di Wil-Uzwil

Questo è il vostro anno KV4.0. E tocca a voi gestirlo!

Dietrich Wagner, Urs Thoma & Pascal Kopp

Gli apprendisti commerciali di tutta la Svizzera hanno la possibilità di interrompere la propria formazione per un anno durante cui effettuare un soggiorno all’estero, fare un’esperienza lavorativa in un altro settore professionale e svolgere un progetto pratico. Lo rende possibile il modello KV4.0, appositamente sviluppato da un’associazione. L’offerta, sperimentata per la prima volta nell’anno scolastico 2020/2021, non è tuttavia ancora molto diffusa. Una valutazione ne ha recentemente rivelato il potenziale, soprattutto nell’area delle competenze interdisciplinari.

Rapporto di progetto nell'ambito dell'iniziativa "Formazione professionale 2030"

Le persone sorde e deboli d’udito e il loro accesso alla formazione professionale

Nell’ambito dell’iniziativa “Formazione professionale 2030”, la SEFRI ha redatto un rapporto sulla situazione delle persone sorde e deboli d’udito nell’ambito della formazione professionale. Il rapporto fornisce una panoramica dei vari programmi e delle opzioni di supporto, identifica le responsabilità e sottolinea i problemi. Nel complesso, esistono numerose possibilità di sostegno per gli apprendisti con disabilità. Tuttavia, stando alla Federazione svizzera dei sordi (SGB-FSS), molti ancora non sanno come fornire una consulenza e un accompagnamento adeguati alle persone in formazione sorde e deboli d’udito. Sulla base del rapporto sono state definite, insieme al gruppo di supporto, le misure per migliorare l’accesso alla formazione professionale per le persone interessate. Nell’estate del 2025, la SEFRI condurrà un’indagine per valutare lo stato di attuazione delle misure.

Rapporto finale

Studio della Swiss Leading House VPET-ECON

L’importanza della formazione permanente varia a seconda dell’occupazione

Nelle occupazioni più dure, con un’alta percentuale di competenze dure (“hard skills”) che decadono rapidamente, l’apprendimento permanente serve principalmente a proteggere dal rischio di disoccupazione e non ad aumentare i salari. Al contrario, il ruolo dell’apprendimento permanente nelle occupazioni più soft, in cui i lavoratori si fondano su una base più stabile di competenze soft, è principalmente quello di promuovere la mobilità professionale e portare a una maggiore crescita dei salari. Lo dimostra un progetto di ricerca della Swiss Leading House VPET-ECON (Tobias Schultheiss, Uschi Backes-Gellner), che si basa su annunci di lavoro rappresentativi contenenti requisiti di competenze categorizzati grazie all’apprendimento automatico e che coprono il mercato del lavoro svizzero in modo molto dettagliato per tutte le professioni (dal 1950 al 2019).

Per saperne di più (in inglese)

Valutazione econcept della campagna 2022-2024

Raccomandazione: basta con la campagna «FormazioneProfessionalePlus»

La SEFRI dovrebbe astenersi dal lanciare un’altra campagna «FormazioneProfessionalePlus». L’ampio impatto desiderato sui gruppi target e la mobilitazione dei partner di rete e degli stakeholder non hanno avuto sufficiente successo, nonostante l’elevato impiego di risorse. Allo stesso tempo, i partner della rete e altri stakeholder a tutti i livelli stavano già comunicando sulla formazione professionale. Questa è la conclusione di una valutazione di econcept. La SEFRI dovrebbe invece svolgere un ruolo attivo e di supporto nella comunicazione sulla formazione professionale per i partner della rete e gli altri stakeholder e promuovere lo scambio di conoscenze e il networking. La freccia rossa come marchio ombrello per la formazione professionale in Svizzera dovrebbe essere rafforzata.

Rapporto (in tedesco)

Rapporto del’Osservatorio svizzero per la formazione professionale OBS SUFFP 

Permeabilità tra liceo e formazione professionale di base 

Mediamente in Svizzera circa l’8% delle persone che inizia il liceo passa ad un altro ciclo di formazione prima del diploma – 5% a una formazione professionale. Tendenzialmente i Cantoni con tassi di maturità più elevati registrano anche più riorientamenti nella formazione professionale di base. Persone con l’attestato di maturità liceale, in proporzione, accedono raramente a una formazione professionale di base (< 1%). Questi sono i risultati di un nuovo rapporto “Tendenze in primo piano” della SUFFP (Belinda Aeschlimann e Jürg Schweri). Il rapporto raccomanda di rafforzare la permeabilità orizzontale. Ad esempio, si dovrebbe verificare come e dove sia opportuna una convalida standardizzata delle prestazioni di formazione liceale già fornite in una formazione professionale di base.

Per saperne di più (in francese)

Studio dalla leading house GOVPET

Che valore hanno i diplomi sul mercato del lavoro?

Annatina Aerne & Giuliano Bonoli

Nell’attuale contesto di generale carenza di manodopera qualificata, si assiste a un rinnovato interesse verso la validazione degli apprendimenti acquisiti e le procedure alternative di riconoscimento delle competenze. Nell’ambito delle ricerche condotte dalla leading house GOVPET, abbiamo studiato la percezione di queste qualifiche alternative da parte dei datori di lavoro nel settore della custodia diurna dei bambini. I nostri risultati mostrano che, nel complesso, esse godono di una buona immagine, ma restano ancora leggermente meno apprezzate rispetto ai diplomi standard.

Uno studio ha studiato l'effetto della "Grit"

Con perseveranza e passione per l’insegnamento

Circa vent’anni fa, la psicologa americana Angela Duckworth ha coniato il termine “Grit”, che combina i tratti della personalità della perseveranza e della passione. Queste caratteristiche sono importanti predittori di successo nell’istruzione e nel mercato del lavoro, come dimostra uno studio condotto da Stefan C. Wolter (Università di Berna), Janine Albiez (SKBF) e Maurizio Strazzeri (Università di Scienze Applicate di Berna). I giovani (N=2500) che hanno scelto la formazione professionale di base hanno un Grit significativamente più alto rispetto ai loro coetanei che hanno scelto il percorso di istruzione generale. Indipendentemente dal tipo di formazione, tuttavia, i giovani con un Grit più elevato scelgono professioni con requisiti matematici più elevati o si specializzano in matematica e fisica nella loro carriera accademica.

Per saperne di più (inglese)

Esperimento di indagine dell'Università di Berna

I genitori ostacolano le scelte di carriera neutre dal punto di vista del genere?

I genitori hanno una grande influenza sulle scelte professionali dei figli. Un esperimento di indagine randomizzata su adulti (N=5940) ha dimostrato che sono neutrali rispetto al genere quando consigliano una figlia, ma hanno una forte preferenza per le professioni dominate dagli uomini quando consigliano i figli. Le preferenze sono quasi identiche per genitori e non genitori e per tutte le coorti di età degli adulti. Il progetto è stato condotto da Stefan C. Wolter (SKBF) e Thea Zöllner (Università di Berna).

Per saperne di più (inglese)

Workshop della SUFFP per discutere le sfide della formazione professionale

Osiamo sognare…. Utopie per la formazione professionale del futuro

Thomas Ruoss & Lorenzo Bonoli

Un anno di apprendistato scolastico di base per tutti potrebbe rafforzare la formazione professionale? Le scuole specializzate fanno parte del sistema della formazione professionale? L’orientamento alle competenze operative pratiche ha indebolito il ruolo delle scuole professionali? Queste domande sono state al centro del workshop invernale sulla formazione professionale tenutosi alla SUFFP di Zollikofen il 2 febbraio 2024, dove circa 50 ricercatori e stakeholder della formazione professionale hanno discusso le utopie per lo sviluppo del sistema svizzero di formazione professionale.

Relazione nell'ambito del Convegno dei partner della formazione professionale 2024

Adulti senza titoli della formazione professionale come gruppo target per la formazione continua legata all’occupazione

Katrin Kraus

In Svizzera, circa il 12% della popolazione attiva di età compresa tra i 25 e i 65 anni non possiede alcun titolo post-obbligatorio. Queste persone potrebbero costituire un gruppo target per fornire manodopera qualificata al mercato del lavoro. I programmi di formazione che consentono agli adulti di conseguire un titolo della formazione professionale devono essere adattati al gruppo target. La popolazione adulta si trova in situazioni di vita specifiche e ha esigenze che spesso non possono essere soddisfatte dai corsi standard. Quali programmi sono adatti a questo gruppo target e quali sono le sue esigenze specifiche?

Contributo al libro sulla formazione degli insegnanti delle scuole professionali

Insegnanti: “Virtuosi dell’adattamento”

Si adattano a circostanze incerte e mutevoli e ne traggono il meglio, sono “virtuosi dell’adattamento”. Philipp Gonon e Lena Freidorfer (Università di Zurigo) citano questo termine in un contributo in un libro sulla formazione degli insegnanti delle scuole professionali in Svizzera. L’articolo comprende uno sguardo alla storia della formazione degli insegnanti della formazione professionale, alle attuali esigenze della professione e alle prospettive di sviluppo. Secondo gli autori, una (nuova) professionalizzazione dovrebbe concentrarsi sull’acquisizione di competenze specifiche (competenze trasversali come il pensiero critico e il problem solving).

L’articolo è apparso nella pubblicazione del wbv “Partnership-Based Governance and Standardisation of Vocational Teacher Education in Ukraine”.

Per saperne di più (accesso libero, in inglese)

Relazione della conferenza

Orientamento alle competenze operative nella formazione professionale – le esperienze di tre professioni

René Schneebeli

L’orientamento alle competenze operative è la caratteristica costitutiva della formazione professionale di base. Tuttavia, questo paradigma, sancito dal 2002 dalla Legge sulla formazione professionale, pone ancora grossi problemi alle scuole. I suoi effetti sulla strutturazione didattica delle lezioni, sull’organizzazione degli esami e sulla formazione continua degli insegnanti sono infatti notevoli. L’Alta scuola pedagogica di Zurigo affronta questo tema in una serie di quattro eventi (Themenreihe Berufsbildung). Il primo di essi è stato dedicato a relazioni sulla pratica. Ne è emersa una constatazione: non sempre l’implementazione dell’orientamento alle competenze operative ha successo, e molte scuole vogliono troppo in una volta sola.

Studio della Federazione svizzera per la formazione continua FSEA

Le aziende più piccole non riescono sempre a soddisfare le esigenze di formazione

Il 90% delle aziende con un massimo di 50 dipendenti considera la formazione continua importante per il proprio successo. Circa tre quarti dei dipendenti sono motivati a seguire una formazione continua. Tuttavia, più della metà partecipa solo raramente alla formazione continua. Questi sono i risultati dello studio FSEA “Importanza e attuazione della formazione continua nelle PMI”. Un terzo delle aziende non riesce a sfruttare il potenziale di formazione continua perché non ha le risorse finanziarie o di tempo o perché non ci sono offerte adeguate. Quasi la metà delle aziende intervistate ritiene inoltre difficile valutare il proprio fabbisogno futuro di competenze. Lo studio si basa su un’indagine quantitativa condotta su 386 aziende e su dieci interviste qualitative a dirigenti.

Per saperne di più

Progetto di ricerca PH FHNW

L’offerta di apprendistato influisce notevolmente sulle scelte di carriera

Gli apprendistati di prova o i tirocini – oltre all’autoconvinzione delle capacità individuali – hanno maggiori probabilità di portare a un proseguimento nella professione in questione se l’offerta di apprendistati è ampia. Ciò è dimostrato dai risultati del progetto WiSel di Jan Hofmann e Markus P. Neuenschwander (entrambi PH FHNW). Al contrario, l’ipotesi che un alto grado di compatibilità persona-occupazione tra gli interessi professionali dei giovani e i requisiti professionali di un’occupazione sperimentata porti il giovane a perseguirla ulteriormente non è applicabile. Un’eccezione è rappresentata dalla misura in cui l’occupazione sperimentata presenta requisiti di leadership, che tendono ad avere un effetto deterrente sulle giovani donne. Lo studio si è basato su un campione longitudinale di 128 giovani di sesso femminile e 202 di sesso maschile.

Per saperne di più (in tedesco)

La formazione professionale svizzera in primo piano

Bilancio dopo 20 anni di legge sulla formazione professionale

Peter Marbet

La nuova legge sulla formazione professionale (VPETA) è stata introdotta in Svizzera nel 2004. La nuova base giuridica è riuscita a rendere la formazione professionale adatta alle esigenze del XXI secolo. Tuttavia, ci sono anche delle sfide. Tre esempi: La percentuale di giovani immigrati con qualifiche post-obbligatorie è ancora troppo bassa. È inoltre necessario discutere su come promuovere le qualifiche professionali per gli adulti. Infine, il finanziamento è un problema: alla luce del fatto che il governo federale determina i principali capisaldi della formazione professionale, questa percentuale è troppo bassa. Secondo il principio dell’equivalenza fiscale, la quota federale dovrebbe essere maggiore.

L'OCSE getta le basi per misurare le prestazioni della formazione professionale

PISA-VET senza la Svizzera

Anche l’OCSE intende sottoporre l’istruzione e la formazione professionale a uno studio di performance. L’obiettivo è quello di misurare le competenze degli apprendisti in cinque aree professionali poco prima del completamento della formazione professionale. Nel rapporto “PISA Vocational Education and Training (VET). Assessment and analytical framework”, l’OCSE ha gettato le basi teoriche per questo studio, in parte con il supporto della Svizzera (Jürg Schweri, Tanja Käser, Sabina DeCurtins). La valutazione comprende anche una serie di competenze per l’occupabilità, come le competenze sociali ed emotive o le capacità di lettura e scrittura. 13 Paesi stanno collaborando a PISA-VET; la Svizzera non partecipa.

Per saperne di più (relazione in inglese)

Appello per una migliore collaborazione fra i tre luoghi di formazione

Serve più collaborazione nella formazione professionale

Ben Hüter

Uno dei problemi del sistema svizzero di formazione professionale è la mancanza di cooperazione fra i tre luoghi di formazione. La Conferenza svizzera delle direttrici e dei direttori delle scuole professionali (SDK-CSD) ha affrontato questo tema nell’ambito della sua conferenza autunnale, formulando otto tesi a riguardo. Essa ritiene che le scuole e il loro personale docente abbiano il dovere di assumere un ruolo guida nel migliorare la collaborazione fra i tre luoghi di formazione. A tal fine, è innanzitutto necessario creare una comprensione pedagogica e didattica comune. Inoltre, le competenze interdisciplinari dovrebbero essere rafforzate rispetto ai contenuti specifici delle materie.

Dissertazione presso l'Università Gottfried Wilhelm Leibniz di Hannover

ADHD nell’adolescenza: come si sentono i soggetti colpiti e cosa li rafforza

L’adolescenza e la giovane età adulta sono una fase vulnerabile per chi è affetto da sintomi di ADHD. Sono necessari programmi di prevenzione e sostegno, anche nella formazione professionale. Lo dimostra la tesi di Annette Krauss (Intercantonal College of Special Needs Education, HfH), basata su un’indagine condotta su 907 persone affette da ADHD nella Svizzera tedesca. Lo studio dimostra che l’immagine negativa di sé dei soggetti affetti da ADHD, in particolare, dovrebbe essere oggetto di un intervento terapeutico. Anche il sostegno emotivo di una figura di attaccamento vicina e dei compagni di classe è importante per il benessere emotivo delle persone colpite. Oltre alla casa dei genitori, altre misure legate all’ambiente riguardano le condizioni a scuola e al lavoro.

Per saperne di più (in tedesco)

A nome della Conferenza svizzera dell'orientamento professionale, universitario e di carriera (CS CPUC)

Rapporto: Definizione delle competenze di gestione della carriera

Chiunque sia in grado di modellare in modo attivo e indipendente la propria scelta di carriera e il proprio percorso professionale possiede buone “competenze di career shaping” (LGK). Dopo che un team di autori aveva già approfondito la questione in un articolo pubblicato su Transfer, è ora disponibile un’approfondita “Définition des compétences de gestion de carrière pour les différents niveaux de formation et phases de carrière” (in francese o tedesco). Gli autori sono Andreas Hirschi (Università di Berna), Koorosh Massoudi (Università di Losanna) e Francisco Wilhelm, Sarah Mullen e Julian Marciniak (Università di Berna). Oltre a un modello di LGK (Parte 1), il rapporto contiene anche un’analisi dei curricula e della promozione della LGK (Parte 2), nonché un inventario degli approcci esistenti e raccomandazioni per la promozione della LGK (Parte 3).

Per saperne di più (in francese, in tedesco)

Tour de Suisse (TdS) Blended Learning

Come le scuole professionali impiegano il blended learning

Rolf Häner

L’anno scorso, dieci scuole professionali hanno mostrato come combinano l’e-learning e l’insegnamento in presenza. Blended learning: come funziona nella quotidianità? Ciascuna delle dieci scuole ha costituito altrettante tappe di un Tour de Suisse durante le quali i partecipanti hanno ricevuto risposte concrete a questa domanda. Il rapporto finale della SUFFP è ora disponibile. Fra gli altri, un dato risulta particolarmente interessante: grazie al blended learning, si sono ridotte le distanze temporali fra la concezione e l’attuazione di formazioni relative a nuovi profili professionali nelle scuole. Ciò sottolinea la crescente importanza della rappresentanza delle scuole professionali nell’ulteriore sviluppo dei profili professionali stessi.

Pretirocinio d’integrazione (PTI) per migranti e rifugiati

Un robusto ponte verso la formazione professionale

Barbara E. Stalder & Marie-Theres Schönbächler

Il pretirocinio di integrazione (PTI) è un successo. Oltre l’80% dei partecipanti lo ha completato con successo. Successivamente, circa il 70% ha completato un corso di formazione professionale di base di due o tre anni (AFC o CFP). Questo è quanto emerge dall’ultima valutazione del programma da parte dell’Alta scuola pedagogica di Berna. La valutazione include anche risultati qualitativi: per esempio, i formatori percepiscono i partecipanti come persone particolarmente impegnate. Quasi tre quarti di essi raggiungono il livello linguistico desiderato nell’orale e circa il 90% nello scritto. Nei primi cinque anni del programma, più di 4000 persone hanno preso parte a un PTI. A partire dall’estate 2024, il programma federale sarà reso permanente come offerta regolare nei Cantoni partecipanti.