Formazione professionale in ricerca e pratica
Editore SGAB Logo

Archivio

Siamo spiacenti, nessun articolo corrisponde ai criteri da lei indicati.
Studio a lungo termine "Effetti della selezione" (Wirkungen der Selektion, Wisel)

“Una formazione professionale di base su cinque viene interrotta prima del termine: è troppo”

Daniel Fleischmann

La risoluzione prematura di un contratto di tirocinio non costituisce sempre un problema: molti giovani iniziano infatti con successo una nuova formazione in un’altra professione o in un’altra azienda. Tuttavia, oltre un terzo delle persone interessate ha bisogno di più di un anno per trovare una nuova soluzione.

Valutazione della flessibilizzazione dell’insegnamento dell’informatica presso la scuola professionale gibb di Berna

Una scuola sperimenta la didattica del futuro

Martin Frieden, Georg Ninck, Thomas Jäggi, Thomas Staub & Lars Balzer

Cinque anni fa, la scuola professionale gibb di Berna ha lanciato il programma «Formazione informatica 4.0». In tale contesto è stata introdotta la possibilità di adeguare l’ordine in cui si svolgono i moduli d’insegnamento alle esigenze individuali. Il programma si completa con offerte per l’apprendimento auto-organizzato e una piattaforma di studio e verifica online. Nel frattempo, si è conclusa anche la fase di valutazione di queste innovazioni. Uno dei risultati rivela che la flessibilizzazione dell’insegnamento dell’informatica è insufficiente se limitata al solo ordine in cui si affrontano le varie discipline: l’individualizzazione nel campo della formazione deve andare oltre.

Progetto di ricerca dell'Università di Ginevra

Indagine sull’insegnamento bilingue in Svizzera

L’insegnamento bilingue è in forte espansione in Svizzera, soprattutto a livello secondario superiore. Lo dimostra l’Inventario svizzero dell’educazione bilingue 2022, che Daniel Elmiger, dell’Università di Ginevra, ha commentato in un articolo su Transfer (in franacese o tedesco). L’inventario comprende anche un database online con tutti i corsi. Nell’ambito del progetto di ricerca sull’insegnamento bilingue in […]

Progetto di ricerca SUFFP in Ticino

Come mantenere gli infermieri nella professione?

Su mandato del Canton Ticino, la SUFFP ha analizzato che cosa serve al personale infermieristico per lavorare a lungo termine nel settore sanitario e come può essere reinserito il personale di cura non più attivo in tale professione. I risultati mostrano l’importanza di investire negli aspetti psicosociali del benessere e in particolare in quattro aree […]

Studio della Leading House VPET-ECON

Persone con qualifiche di formazione professionale sulla scia delle scuole universitarie professionali

L’istituzione delle scuole universitarie professionali (SUP) alla fine degli anni ’90 ha aperto nuove opportunità di accesso alla formazione terziaria per le persone con una qualifica professionale. Tobias Schultheiss, Curdin Pfister e Uschi Backes-Gellner (Leading House VPET-ECON) hanno analizzato le attività delle persone con e senza diploma di SUP sulla base degli annunci di lavoro. […]

Studio con la partecipazione dell'Università di Berna

Studio di panoramica critica sulle transizioni di carriera

Le transizioni di carriera sono sempre più frequenti nel corso della vita. La ricerca su questo tema è aumentata in modo significativo negli ultimi anni, ma è frammentata tra le varie discipline e si concentra principalmente su transizioni specifiche, una tantum (ad esempio, dalla scuola al lavoro, dalla disoccupazione al lavoro, dal lavoro alla pensione). […]

Particolarmente colpite le professioni con un'alta percentuale di competenze linguistiche

ChatGPT porta a un calo delle ricerche di posti di apprendistato vacanti

L’introduzione di ChatGPT ha portato a un calo del 7,5% delle ricerche di apprendistato su berufsberatung.ch. Le professioni con elevati requisiti linguistici sono particolarmente colpite (-15,1%; lingue straniere -16,0%), mentre le professioni con elevati requisiti matematici (-6,1%) e le professioni con un’alta percentuale di attività manuali (-5,4%) sono meno colpite. Non sono state riscontrate differenze […]

La distribuzione degli apprendistati nella formazione professionale di base duale

Una flotta di barche, motoscafi, battelli e petroliere

Andreas Kuhn

Poco più della metà dei posti di tirocinio si concentra sulle dodici professioni più comuni (vale a dire solo il 4,8% delle professioni di apprendistato). Il sistema della formazione professionale è quindi tutt’altro che «distribuito normalmente». Questo articolo illustra la distribuzione altamente diseguale del totale degli apprendistati analizzando quattro dimensioni diverse (professione di apprendistato, settore, azienda e regione) sulla base dei dati attuali della popolazione. Si tratta di schemi noti, tuttavia l’entità della distribuzione diseguale non è mai stata descritta in modo così dettagliato.

Studio dell'Università di Zurigo

Cosa distingue donne e uomini nella scelta degli studi

Quali sono le caratteristiche che determinano le preferenze specifiche di genere nella scelta degli studi? Un esperimento integrato nello studio TREE con due soggetti artificiali affronta questa domanda. I risultati mostrano le maggiori differenze di genere nelle preferenze per le caratteristiche relative allo stile di pensiero (astratto contro creativo) e all’affinità con i compiti lavorativi […]

Inventario della situazione nelle scuole di livello secondario II

Dalla digitalizzazione alla trasformazione digitale

Philipp Gonon, Maria Luisa Schmitz, Dominik Petko & Tessa Consoli

Nelle scuole di livello secondario II i media digitali sono per lo più utilizzati per attività di apprendimento passive. Le forme di apprendimento attive, costruttive e interattive sono ancora una rarità – anche nelle scuole professionali, dove le tecnologie digitali sono comunque utilizzate più intensamente che in altri tipi di scuole. Questo è il risultato dello studio DigiTraS II (Digitale Transformation der Sekundarstufe II). Alcuni casi di studio indagano le ragioni di questo ritardo.

Studio dell'Università di Zurigo

I giovani in apprendistato hanno la stessa salute mentale degli studenti

Le persone che completano un apprendistato sono mentalmente sane quanto gli studenti universitari. Nel dettaglio: gli studenti hanno un’autostima leggermente più alta, un’autoefficacia leggermente più bassa, un’affettività più negativa e una maggiore sensazione di stress. Lo dimostra uno studio rappresentativo (2070 studenti e 3755 non studenti; Kaspar Burger e Diego Strassmann Rocha, università di Zurigo). […]

Studio dell'Università di Berna

L’impatto delle medaglie vinte ai WorldSkills sulla scelta professionale

Le medaglie vinte ai campionati mondiali delle professioni (WorldSkills) influenzano la scelta professionale dei giovani. Questa è la conclusione di una ricerca (inglese) dell’Università di Berna. Una medaglia d’oro comporta un aumento medio del 7% delle ricerche legate alla professione in questione su orientamento.ch e un incremento del 2,5% del numero di contratti di tirocinio firmati. […]

Jobs for Future

Scelta della professione all’insegna della sostenibilità

Mischa Kaspar

“Le tematiche ambientali stanno diventando sempre più rilevanti nell’economia”: frasi come queste lasciano pensare, anche nell’orientamento professionale, a professioni “verdi” come lo scienziato ambientale o il riciclatore. Nel contesto del progetto “Jobs for Future”, questa visione viene radicalmente ampliata: di fatto, ogni professione è rilevante dal punto di vista ambientale. Oltre a ciò, tale prospettiva aggiunge agli obiettivi professionali la componente dell’efficacia. Il progetto “Jobs for Future” si basa su un’intensa collaborazione con numerose classi scolastiche e operatori dell’orientamento professionale. Ne è scaturita una serie di strumenti pratici per orientatori professionali, insegnanti, associazioni, piattaforme professionali, giovani e genitori.

Risultati dello studio e raccomandazioni per l'azione

Gestire gli apprendisti mentalmente stressati in azienda

La gestione degli apprendisti mentalmente stressati rappresenta una sfida importante per i formatori professionali nelle scuole e nelle aziende. Uno studio su questo tema, pubblicato anche in Transfer, costituisce la base per informazioni su come gli apprendisti e i formatori nelle aziende possano essere meglio supportati in futuro. I documenti sono facilmente accessibili sul sito […]

Rafforzare le capacità imprenditoriali delle allieve e degli allievi delle scuole professionali

myidea continua a svilupparsi

Eveline Gutzwiller-Helfenfinger, Susan Müller, Georg Berger & Manfred Pfiffner

Avere un pensiero critico e risolvere i problemi, mostrare iniziativa, sviluppare idee creative e innovative, riconoscere e cogliere le opportunità: queste sono solo alcune delle competenze che stanno diventando sempre più importanti nel mondo del lavoro. Tutto ciò richiede capacità imprenditoriali. Tuttavia, di solito queste non vengono promosse sistematicamente nelle scuole professionali svizzere. L’iniziativa «Mentalità e agire imprenditoriale nelle scuole professionali della Svizzera» (MAI) nel 2018 ha affrontato questo problema con un progetto pilota finanziato dalla Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione (SEFRI) e inizialmente ha avviato l’implementazione nelle classi di cultura generale (CG) di un collaudato programma di apprendimento. A tal fine, gli insegnanti di CG in quattro cantoni pilota (Berna, Soletta, Ticino e Vallese) sono stati formati per implementare il programma myidea con le persone in formazione. Dalla fine del progetto pilota nel 2022, l’iniziativa MAI e il programma di apprendimento myidea sono stati costantemente sviluppati.

Risultati di un sondaggio tra i direttori scolastici della Svizzera tedesca

Allievi con disturbi dello spettro autistico nella scuola di livello secondario II

Eva Stucki & Andreas Eckert

Per le persone affette da autismo è di estrema importanza che le loro esigenze vengano riconosciute. Come ha mostrato un sondaggio, la pensa così anche la maggioranza dei direttori scolastici di livello secondario II: il 65% di essi ritiene infatti che il tema dell’autismo nella scuola sia di attuale rilevanza, mentre solo il 35% non concorda (del tutto) con questa affermazione. A questo sondaggio hanno partecipato 80 direttori scolastici – e i dati raccolti costituiscono una solida base a partire da cui formulare conclusioni. Fra l’altro, è raccomandabile che siano chiaramente definite le persone di contatto e le responsabilità all’interno di ogni scuola per tutti i soggetti coinvolti in caso di concrete necessità di intervento e di domande.

Convalida delle prestazioni di formazione nelle scuole specializzate superiori

Raccomandazioni per la promozione della convalida delle prestazioni di formazione

Christine Anna Hämmerli, Patrizia Salzmann, Jörg Neumann, Carmen Baumeler & Sonja Engelage

Sebbene la convalida delle prestazioni di formazione sia un obiettivo in materia di politica della formazione in Svizzera, le pratiche di convalida sono poco trasparenti in particolare a livello terziario. Questo studio su scala nazionale ha esaminato in che modo la convalida delle prestazioni è messa in atto e motivata nelle scuole specializzate superiori (SSS), focalizzandosi in particolare sulla convalida della formazione continua e della formazione informale, più difficili da convalidare rispetto alla formazione formale. In collaborazione con stakeholder dalla pratica sono state sviluppate raccomandazioni per la promozione della convalida delle prestazioni di formazione.

Sostegno finanziario per la vostra formazione continua all’estero

Perché non osservare l’operato di un o una responsabile della formazione in Belgio?  

Charlotte-Sophie Ramseier

L’agenzia nazionale Movetia promuove e sostiene gli scambi e la mobilità nella formazione generale e continua, nonché nel campo dell’animazione giovanile extrascolastica in Svizzera, in Europa e nel mondo. Movetia, con il supporto della Confederazione e dei Cantoni, offre numerosi programmi di sovvenzione per i soggiorni formativi – per allievi e allieve, giovani in formazione, studenti e studentesse, insegnanti, animatori e animatrici giovanili, ma anche per formatori e formatrici.

Trasferimento delle conoscenze invece di esportazione di sistemi

Percorsi in una formazione professionale dualizzata

Dieter Euler

Ormai è noto: il sistema di formazione professionale, così come è nella tradizione di Paesi come la Svizzera o la Germania, non può essere “esportato”; molti progetti si sono infatti dimostrati poco sostenibili. Ciò che è possibile, tuttavia, è il trasferimento di elementi della formazione professionale duale. Il prof. em. Dieter Euler lavora da anni su come ciò possa avvenire – e in questo articolo analizza percorsi e temi dei possibili trasferimenti, inquadrando la questione non come l’esportazione di un sistema, ma come un trasferimento graduale di conoscenze.

Lo sviluppo delle aspirazioni professionali fra i giovani

Spazio ai sogni professionali

Sara Möser

Le aspirazioni professionali dei giovani, tra la scuola e il mercato del lavoro, si sviluppano costantemente verso l’alto – sia che essi frequentino una formazione professionale di base sia che frequentino un liceo. Ciò indica che il sistema formativo e il mercato del lavoro svizzeri sono costantemente in grado di offrire a tutti prospettive interessanti. Tuttavia, il livello di queste aspirazioni è fortemente legato al percorso scolastico, al background sociale e al genere. Ciò è dimostrato dall’analisi dei dati dello studio panel DAB, che documenta le traiettorie formative e occupazionali di scolare e scolari a partire dalle scuole medie.

Studio sui cantoni di Ginevra e di Basilea Città

L’immigrazione mette in pericolo la formazione professionale di base?

Jackie Vorpe

Nei cantoni di Ginevra e di Basilea Città, il numero di lavoratori provenienti dai Paesi confinanti è particolarmente elevato. La presenza di queste persone consente da un lato di gestire bene il fabbisogno congiunturale di manodopera; dall’altro, l’afflusso di personale non-locale compromette tuttavia la formazione di giovani professionisti locali. La misura di tale fenomeno è oggetto della presente dissertazione.

Studio della Swiss Leading House VPET-ECON

Gli uomini sono soggetti a norme di genere più forti

I giovani uomini nelle regioni con norme di genere tradizionali più forti (che possono essere determinate dai risultati delle votazioni) hanno maggiori probabilità di candidarsi a professioni tipicamente maschili e minori probabilità di candidarsi a professioni tipicamente femminili. Questa correlazione non esiste per le giovani donne. Lo dimostrano i risultati di uno studio della Swiss […]

Progetto di sostegno di Travail.Suisse Formation

Anche le persone disabili devono poter partecipare a formazioni continue

Daphna Paz

Il legislatore svizzero stabilisce che gli svantaggi delle persone disabili devono essere prevenuti – in maniera esplicita anche nel campo della formazione. Tuttavia, riguardo all’attuazione dell’inclusione ci troviamo ancora agli inizi. In due progetti cofinanziati dalla SEFRI, Travail.Suisse Formation contribuisce a migliorare l’accesso alla formazione continua delle persone con disabilità.

Uno studio della SUFFP e dell’Università di Friburgo esamina il potenziale delle nuove culture di apprendimento

Ecco come il commercio al dettaglio favorisce l’avanzamento sociale

Patric Raemy, Lona Widmer & Antje Barabasch

La promozione di competenze trasversali, l’apprendimento autodeterminato e l’impiego di mezzi di apprendimento digitali sono elementi importanti della riforma in corso della formazione professionale di base nel commercio al dettaglio. Una grande azienda ha già implementato questi elementi per una nuova cultura dell’apprendimento. In questo modo, contribuisce all’avanzamento sociale delle persone in formazione, come lo dimostra un progetto di ricerca della SUFFP e dell’Università di Friburgo. Non da ultimo, aumenta il prestigio della professione.

Leading house «Didattica dei campi professionali»

La creatività nella formazione degli insegnanti

La creatività, insieme ad altre competenze, è una delle abilità più importanti di cui gli apprendisti hanno bisogno per avere successo nel mondo del lavoro di domani. Data la vicinanza al mondo del lavoro, l’implementazione di queste future competenze nella formazione professionale (FP) è particolarmente importante. Tuttavia, la promozione della creatività non ha ancora avuto […]

Progetto di ricerca della ZHAW e di emplution

Le PMI hanno bisogno di consulenza in materia di formazione continua? E se sì, di che tipo?

Claudia Pölderl, Marius Gerber & Jonas Probst

L’offerta di formazione continua in Svizzera è molto variegata, ma anche particolarmente complessa. Se nemmeno i consulenti professionali, di formazione e di carriera, ne possiedono una visione d’insieme, come possono orientarsi i responsabili delle PMI? Oltre a ciò, spesso mancano il tempo o le risorse umane sufficienti a gestire l’attività lavorativa quotidiana se una parte del personale si allontana per seguire un corso. Nell’ambito del progetto finanziato dalla SEFRI “Coaching formazione continua per le PMI – Analisi del fabbisogno e prototipazione di strumenti settoriali per lo sviluppo del personale”, un team di progetto della ZHAW e di emplution, insieme alle associazioni professionali JardinSuisse e Fiduciari|Suisse, ha analizzato le attuali sfide che i responsabili delle PMI devono affrontare a questo riguardo. Sulla base dei risultati ottenuti sono state sviluppate corrispondenti proposte, successivamente testate per verificarne l’accettazione da parte dei responsabili delle PMI.

Studio dell'Osservatorio svizzero per la formazione professionale OBS SUFFP

Scuole superiori: Dopo Corona, come prima?

Corona ha stravolto l’insegnamento nelle scuole superiori da un giorno all’altro. Un nuovo rapporto “Tendenze in primo piano” dell’OBS SUFFP mostra quanto siano duraturi i cambiamenti apportati a livello dell’insegnamento e dell’organizzazione scolastica. In sintesi, si possono individuare tre strategie per affrontare la trasformazione digitale: innovazioni nell’impostazione dell’insegnamento, innovazioni strutturali dei formati didattici e stagnazione, […]

Le persone formatrici di apprendiste e apprendisti in azienda

Una diversità di modi di porsi nei confronti della formazione

Roberta Besozzi

Nonostante il ruolo centrale che svolgono nel sistema di formazione professionale duale, le persone formatrici di apprendiste e apprendisti in azienda sono state oggetto di rari studi. Mettendo in luce la diversità del rapporto che esse intrattengono con il loro ruolo, una recente tesi di dottorato si propone di colmare questa lacuna (Besozzi, 2022). In questo lavoro viene proposta una tipologia basata su due assi di analisi: la soddisfazione per la funzione formativa (bassa o alta) e la rappresentazione delle apprendiste e degli apprendisti (allieve/i o lavoratori/trici). Emergono quattro profili ideal-tipici di formatori: gli “imprenditori di sé stessi”, i “garanti del mestiere”, i “riconvertiti” e i “rassegnati”. Questa tipologia fornisce una comprensione dettagliata delle finalità che le persone formatrici attribuiscono alla formazione dei giovani e delle giovani nonché delle scelte effettuate in termini di supporto pedagogico. La tipologia indicata permette anche di essere utilizzata per formulare raccomandazioni alle istituzioni coinvolte nella formazione iniziale duale.

Strategie per persone occupate in un mercato del lavoro dinamico

Come riuscire con successo nell’autogestione della carriera

Francisco Wilhelm, Andreas Hirschi & Dawa Schläpfer

L’autogestione della propria carriera è diventata oggi più impegnativa a causa della natura altamente dinamica del mercato del lavoro – e non dovrebbe essere tematizzata solamente in momenti di crisi. Con il concetto di autogestione della carriera, la ricerca ha creato un termine che indica l’insieme delle attività con cui gli individui svolgono e controllano le azioni legate allo sviluppo della propria carriera. Questo articolo illustra sette comportamenti chiave di sviluppo e impiego delle proprie risorse sociali, motivazionali e di conoscenza.

Studio SwissSkills dal titolo «Le aspettative della Gen Z nei confronti del mondo del lavoro»

Per i professionisti della Gen Z una buona atmosfera lavorativa e l’apprezzamento viene prima di tutto il resto

Quali sono i fattori decisivi per attrarre, sviluppare e trattenere a lungo termine i talenti delle professioni tra i 18 e i 27 anni in Svizzera? A tal proposito, SwissSkills ha sviluppato lo studio rappresentativo «Le aspettative della Gen Z nei confronti del mondo del lavoro» per indagare le esigenze e le motivazioni dei migliori […]

Formazioni nel settore professionale della sanità a confronto

Concorrenza minacciosa o potenziale non sfruttato?

Raffaella Simona Esposito

Nonostante il loro potenziale per risolvere il problema della carenza di personale qualificato, le scuole specializzate nel settore professionale della sanità, a differenza della formazione professionale di base per operatrice sociosanitaria / operatore sociosanitario, sono scarsamente promosse a livello politico se non perfino osteggiate nella Svizzera tedesca. Il profilo di tali scuole e quello della formazione professionale di base sono fra loro in ogni caso diversi. Questo contributo lo dimostra sulla base di quattro casi di studio cantonali.

Studio dell'Università di Berna

Preferenze lavorative specifiche per genere: Salario, flessibilità o opportunità di carriera?

Un ambiente di lavoro collegiale e le opportunità di avanzamento di carriera sono i fattori più importanti per i giovani adulti quando scelgono un nuovo lavoro. Le donne attribuiscono grande importanza alle prospettive di carriera del nuovo lavoro, ma in misura minore rispetto agli uomini della stessa età; esse sono inoltre meno disposte a dare […]

Dissertazione sui percorsi formativi e professionali dopo una maturità professionale commerciale

Cosa segue la maturità professionale?

Michael Jöhr

Quattro persone su cinque intraprendono uno studio di livello terziario nei 54 mesi successivi al conseguimento di una maturità professionale (MP). La MP offre dunque un importante contributo al principio di permeabilità del sistema formativo svizzero. Il presente studio indaga le motivazioni che si trovano dietro alle decisioni formative dei giovani in possesso di una MP a indirizzo commerciale. Per quanto esse appaiano fra loro particolarmente diverse, l’autore individua quattro tipologie caratteristiche, due delle quali divergono dal settore professionale in cui è stata conseguita la maturità. Un ruolo importante è svolto a riguardo anche dal rapporto con i propri formatori.

Sull'istituzionalizzazione della formazione professionale quale compito comune della Confederazione, dei Cantoni e delle organizzazioni del mondo del lavoro (OML)

Come il partenariato si è fatto strada nella Legge sulla formazione professionale

Lea Hägi

Oltre alla formazione tecnica di livello universitario (Politecnico di Zurigo e Scuola Politecnica di Losanna), la formazione professionale è l’unico settore del sistema formativo svizzero a godere di riconoscimento giuridico a livello federale. Questo articolo riassume i risultati di una dissertazione sulla legittimazione del principio di responsabilità condivisa (partenariato) e della corrispondente competenza legislativa della Confederazione in merito alla formazione professionale. Questo principio, infatti, non è sempre evidente come appare. Negli anni Novanta, nel contesto della nuova impostazione della perequazione finanziaria, si è cercato di restituire ai Cantoni la competenza legislativa in materia di formazione professionale. Perché hanno fallito?

Studio pilota della SUPSI

La diffusione di una cultura della sostenibilità attraverso la formazione continua

Florinda Sauli, Camilla Belfiore, Nadia Bregoli & Jenny Assi

Nella formazione continua universitaria, così come nella formazione professionale, assistiamo sempre più ad una spinta verso pratiche più sostenibili. Il tema è infatti di grande attualità, sia nel dibattito politico, sia nella letteratura scientifica. Le istituzioni scolastiche di tutti i livelli sono considerate attrici chiave per promuovere il cambiamento di mentalità che deve accompagnare la diffusione di una cultura della sostenibilità. Nel 2022, in occasione della pubblicazione del suo primo rapporto di sostenibilità, la Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI) ha lanciato uno studio pilota per investigare lo stato dell’arte dei contenuti e delle pratiche relative alla sostenibilità nella formazione continua. Lo studio, oltre a fornire una fotografia della situazione attuale, aveva anche uno scopo formativo: intendeva infatti incoraggiare i responsabili e le responsabili dei programmi di formazione continua a promuovere ulteriormente una cultura della sostenibilità attraverso il contenuto e la progettazione di un corso. Infatti, i professionisti e le professioniste che seguono la formazione continua, grazie al loro legame con organizzazioni e aziende del territorio, favoriscono la diffusione di una cultura della sostenibilità innescando un effetto a cascata nell’intera società.

Pubblicazione del libro "Validazione di competenze acquisite non formalmente e informalmente"

Quanto è vantaggiosa la validazione degli apprendimenti acquisiti?

Tobias Fritschi

Le persone prive di un titolo formale possono utilizzare la validazione degli apprendimenti acquisiti per rendere visibili e per far riconoscere le proprie competenze professionali. Un’analisi economica di questo strumento mostra che, da un punto di vista individuale, non sono tanto gli stimoli di carattere economico a motivare le persone a procedere alla validazione delle proprie competenze, in quanto non si osservano aumenti retributivi significativi successivamente al completamento della procedura. Piuttosto, ciò ha una funzione segnaletica sul mercato del lavoro, che può svolgere un ruolo importante se si vuole cambiare posto di lavoro o ridurre il rischio di disoccupazione. Un titolo di livello secondario II reca con sé diverse opportunità di realizzazione: maggiore mobilità sul mercato del lavoro, possibilità di ottenere ulteriori qualifiche e riconoscimento sociale e professionale.

Studio

Minori effetti di selezione etnica tra le donne

I bambini provenienti da famiglie con un background migratorio sono spesso caratterizzati da elevate aspirazioni educative; questo è stato recentemente dimostrato nell’articolo “Kinder aus schlechter gestellten Familien: Trotz allem erfolgreich” pubblicato su Transfer. David Glauser e Rolf Becker hanno ora rivolto la loro attenzione alle differenze di genere negli effetti di scelta etnica. Essi concludono […]

Studio sull'educazione e la formazione professionale in Bangladesh

Se si deve fare, si può fare anche senza l’economia

La formazione professionale duale in Svizzera vanta una storia secolare. La sua genesi è segnata dal rapporto tra iniziativa privata e controllo statale. Il partenariato pubblico-privato – si potrebbe pensare che questo sia il DNA della formazione professionale. Ma non è necessariamente così, come dimostra un caso di studio sui recenti sviluppi in Bangladesh. Tre […]

L'Alta scuola pedagogica della Svizzera nord-occidentale FHNW alla ricerca di indicatori

Cosa porta alle diverse forme di scioglimento dei contratti di tirocinio?

Stefanie Findeisen, Lukas Ramseier & Markus P. Neuenschwander

La discontinuità dei percorsi formativi non è un fenomeno raro nella formazione professionale, come dimostrano gli alti tassi di scioglimento prematuro dei contratti di tirocinio. Sebbene tale fenomeno possa essere problematico per alcuni giovani, esso rappresenta un mezzo per correggere la scelta della professione o dell’azienda formatrice – a patto che non provochi il completo abbandono della propria formazione. Uno studio della Scuola universitaria professionale della Svizzera nord-occidentale FHNW sottolinea come lo scioglimento prematuro dei contratti di tirocinio sia essenzialmente una correzione delle scelte formative: la stragrande maggioranza dei giovani continua infatti a formarsi in un’altra professione o in un’altra azienda. I risultati mostrano anche che le due forme di scioglimento dei contratti, vale a dire il cambiamento di professione e il cambiamento di azienda, sono ampiamente prevedibili tramite indicatori predittivi. Tuttavia, i cambiamenti di professione appaiono avere luogo per lo più per iniziativa dei giovani tirocinanti; quelli di azienda più per iniziativa delle aziende stesse.

Workshop di discussione sulle sfide della formazione professionale

Perché criticare il “miglior sistema del mondo”?

Lorenzo Bonoli, Thomas Ruoss & Jackie Vorpe

Il 3 febbraio scorso, la Scuola universitaria per la formazione professionale (SUFFP) ha accolto a Zollikofen una cinquantina di ricercatori e operatori del settore della formazione professionale per discutere del ruolo della critica nello sviluppo del sistema svizzero di formazione professionale. Distinguendosi da conferenze accademiche o incontri ufficiali, questo workshop ha offerto l’opportunità di discutere apertamente di questioni che spesso faticano a emergere nel dibattito pubblico, come il rapporto tra la formazione professionale e la critica scientifica e i “punti di forza” e le “debolezze” del sistema svizzero.

Studio dell'Istituto per il management e per le tecnologie della formazione (Institut für Bildungsmanagement und Bildungstechnologien IBB) dell'Università di San Gallo

Come l’intelligenza artificiale potrebbe semplificare la cooperazione tra i luoghi di formazione

Sabine Seufert

Il successo della cooperazione tra i luoghi di formazione è considerato un requisito fondamentale per una formazione di alta qualità – e la trasformazione digitale si sta facendo sentire anche in questo ambito. Nel contesto del progetto finanziato dalla SEFRI “Futuri modelli di cooperazione tra i luoghi di formazione”, l’Istituto per il management e per le tecnologie della formazione (Institut für Bildungsmanagement und Bildungstechnologien IBB) dell’Università di San Gallo ha analizzato il potenziale della digitalizzazione per la cooperazione tra i luoghi di formazione – in particolare in merito a data analytics e intelligenza artificiale (IA). Nella fase finale della ricerca sono state sviluppate raccomandazioni per la creazione di un ecosistema della formazione professionale e per lo sviluppo di futuri modelli di cooperazione tra i luoghi di formazione basati sull’IA.

Student Driven Studies - un’opzione innovativa della SUFFP per gli studi con diploma.

Lo studio diventa studio individuale

Veronika Bürgi, Gallus Grossrieder & Regula Künzi-Minder

Student Driven Studies (SDS) – gli studenti e le studentesse di questa nuova struttura di studio presso la SUFFP non assistono a lezioni nel senso tradizionale del termine, né frequentano moduli predefiniti. Future specialiste e futuri specialisti nel campo dell’apprendimento impostano i propri contenuti didattici e lo svolgimento della loro formazione come fossero «insegnanti», lavorando su progetti personali. In questo modo sperimentano cosa possono raggiungere con l’apprendimento autonomo e autogestito. Negli SDS, l’orientamento alla competenza e allo sviluppo è vissuto coerentemente. Viene inoltre attribuita grande importanza all’apprendimento cooperativo.

Partecipazione digitale delle persone con disabilità nella formazione professionale

Potenziali non sfruttati

Julia Bannwart Garibovic

I media digitali possiedono un grande potenziale per l’integrazione delle persone con disabilità nella formazione professionale. Come dimostra uno studio della Scuola di lavoro sociale della Scuola universitaria professionale della Svizzera nord-occidentale (FHNW), questo potenziale è tuttavia in gran parte non sfruttato. Ciò conferma l’impressione che, a nove anni dalla sua ratifica, l’attuazione della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità lasci ancora a desiderare. Il presente documento identifica le principali sfide alla partecipazione digitale delle persone con disabilità nella formazione professionale – quali in particolare la mancanza di consapevolezza sulla loro inclusione, le barriere digitali e la mancanza di strutture organizzative nelle organizzazioni educative.

Formazione professionale a Ginevra

Ginevra si impegna nel miglioramento della formazione professionale

Gilles Miserez

È noto come i cantoni francofoni incontrino diverse difficoltà in materia di formazione professionale. A Ginevra, soltanto il 21% dei giovani segue una formazione professionale di base duale, accedendovi in media a circa 20 anni. Il presente articolo analizza le ragioni di questo fenomeno e illustra una serie di misure introdotte dal Cantone per contrastarlo. In 18 programmi di formazione professionale, per esempio, è stato istituito un anno di base; il Cantone incentiva inoltre le aziende ad aderire al sistema della formazione professionale favorendole nell’assegnazione di determinati appalti pubblici.

Gli articoli di Dieter Euler sono finalmente stati pubblicati in un libro

Successi e problemi della formazione professionale in Svizzera

Daniel Fleischmann

Commenti critici sulla formazione professionale in Svizzera sono relativamente rari. Fanno eccezione gli articoli di Dieter Euler, appena pubblicati in forma di libro. Nei suoi interventi, il Prof. Euler sottolinea l’alta qualità della formazione professionale svizzera ma richiama l’attenzione anche sui suoi aspetti negativi. A suo avviso, la forza della formazione professionale elvetica si basa su una rigida selezione degli studenti nell’accesso al liceo. Per quanto possa avere senso dal punto di vista dell’economia, ciò va tuttavia a scapito delle pari opportunità.

20 anni di riforme della formazione professionale di base: interrogativi ed esigenze d’intervento

Oltre un approccio per tentativi ed errori

Gianni Ghisla

L’attuale Legge sulla formazione professionale, entrata in vigore quasi vent’anni fa, ha dato il via a un gran numero di innovazioni a cui, nell’ambito dei Piani di formazione e delle Ordinanze, si è mirato applicando una strategia pragmatica per tentativi ed errori. Per quanto queste innovazioni fossero ampie, è sorprendente che finora non si siano effettuate articolate valutazioni teoriche ed empiriche dello sviluppo e dell’implementazione di Ordinanze e Piani di formazione e dei risultati ottenuti. Così, senza che si svolgesse un dibattito critico, si è potuto imporre il modello cosiddetto per competenze operative quale paradigma strutturante delle disposizioni adottate. Fra le conseguenze di questo orientamento emergono la marginalizzazione di un sapere strutturato sotto forma delle materie tradizionali, il predominio di una didattica impostata radicalmente per obiettivi di apprendimento e, in generale, l’imporsi di una logica economica e di controllo nella formazione professionale svizzera. Per il futuro della formazione professionale servono un bilancio critico e un dibattito costruttivo.

Un nuovo libro della hep Verlag

Formazione positiva: stimolare benessere e prestazioni

Christoph Städeli

Le scuole sono luoghi in cui gli allievi devono sentirsi a proprio agio. Contrariamente a un diffuso malinteso, ciò non è affatto in contraddizione con elementi quali la disponibilità allo sforzo, le prestazioni o il rispetto. Recentemente si è diffuso il concetto di “educazione positiva”, con cui questo tema assume contorni più netti – in riferimento sia agli studenti sia agli insegnanti. Una nuova pubblicazione dell’editore hep Verlag indica un modello in quattro fasi per l’attuazione concreta dell’educazione positiva nelle scuole e nell’insegnamento. In questo articolo, l’autore Christoph Städeli ne delinea gli elementi più importanti e li collega a varie idee e modelli su come potranno essere strutturati in futuro sia l’insegnamento sia in generale la scuola.

Transfer: rivista professionale per la ricerca e la pratica della formazione professionale

Benvenuti, care lettrici e cari lettori del Ticino!

La Società svizzera per la ricerca applicata in materia die formazione professionale (SRFP) pubblica la rivista online Transfer dal 2016, all’epoca solo in tedesco. Grazie al sostegno della SEFRI, è stato in seguito possibile offrire anche articoli in francese. E ora, finalmente, anche in italiano. Transfer pubblica i più importanti risultati della ricerca sulla formazione […]

Valutazione di un concetto pedagogico innovativo

Un nuovo concetto pedagogico nello spazio di apprendimento digitale

Claudia Hug, Stephanie Hess, Lars Balzer & Véronique Eicher

n47e8 è un concetto pedagogico elaborato dal Centro di formazione Limmattal (Bildungszentrum Limmattal) che combina in modo significativo l’orientamento alla competenza operativa, l’individualizzazione e l’esperienza di autoefficacia in spazi di apprendimento digitali e fisici. Esso è implementato per mezzo di un Learning Management Systems (LMS) in cui gli apprendisti lavorano, secondo i propri ritmi, in situazioni di apprendimento concrete in classi di cultura generale e di materie professionali sulla base di “missioni”. Le missioni consistono in strumenti e informazioni per lo sviluppo delle competenze nonché in campi di pratica individuali orientati all’azione e in opportunità di consolidamento in cui le competenze vengono applicate in situazioni concrete e in cui sono possibili primi passi di trasferimento. Il progetto è stato valutato dal Servizio di valutazione della SUFFP dal 2019 al 2022.

Replica all'intervista sul Rapporto sul sistema educativo 2023 a Stefan C. Wolter

«Non è il caso di evocare scenari catastrofici»

Regula Julia Leemann, Sandra Hafner & Raffaella Simona Esposito

La formazione professionale sta perdendo terreno: così Stefan C. Wolter ha commentato il Rapporto sul sistema educativo 2023, elaborato sotto la sua guida, in cui la scuola media specializzata viene identificata come responsabile del fenomeno. Tre ricercatori dell’Alta scuola pedagogica della Svizzera nord-occidentale (Pädagogische Hochschule Nordwestschweiz) contestano questa interpretazione. La descrizione di tale scuola fornita da Wolter è a loro avviso incompleta e fuorviante. Oltre a ciò, essa ignora il contributo apportato dalla scuola media specializzata alla mancanza di personale qualificato. Non per ultimo, la richiesta di Wolter di una contingentazione delle offerte educative non è compatibile con l’ordinamento sociale liberal-democratico della Svizzera.

Un fenomeno diffuso principalmente nella Svizzera nord-occidentale

Formazione professionale a pagamento

Luca Preite

Le scuole private, ampiamente ignorate dal mondo accademico e da quello politico, offrono una formazione professionale (sia formazione di base sia maturità) dietro pagamento di una retta. A differenza dei licei, delle scuole medie specializzate e del mercato dell’apprendistato, esse non prevedono procedure di selezione dei candidati o restrizioni di ammissione. Sulla base dei dati LABB (Analisi longitudinali nell’ambito della formazione) dell’Ufficio federale di statistica, il presente articolo cerca di fornire una panoramica della portata e dello sviluppo della formazione professionale a pagamento. Si tratta di un fenomeno diffuso principalmente nella Svizzera tedesca, particolarmente accentuato nell’ambito della maturità professionale.

Passato, presente e futuro della ricerca sulle tecnologie educative nella formazione professionale

L’eredità di Dual-T

Alberto Cattaneo

Che ruolo possono assumere le tecnologie educative nel supportare ed eventualmente potenziare la formazione professionale? Questa è la domanda al centro del lavoro svolto dal progetto “Dual-T”, e del libro recentemente pubblicato in occasione della sua conclusione. In questo articolo proviamo a riassumerne i punti principali e a rileggere l’intera esperienza tra passato, presente e futuro per tracciarne un bilancio spontaneo. Forse il più grande risultato del Dual-T è il modello pedagogico dell’Erfahrraum. Esso consente lo scambio di esperienze di apprendimento attraverso i confini dei tre luoghi di apprendimento della formazione professionale. Questo rende molto più evidente agli studenti il collegamento tra ciò che imparano sul posto di lavoro e ciò che imparano a scuola.

Accedere a un'alta scuola pedagogica dopo un apprendistato professionale

Tanti ostacoli, tante opportunità

Regula Julia Leemann, Bettina Weller & Andrea Pfeifer‏‏‎-Brändli

I percorsi che conducono alla frequenza di un’alta scuola pedagogica da parte di chi ha concluso una formazione professionale di base stanno assumendo un’importanza sempre maggiore anche in termini di politiche della formazione, non da ultimo a causa della carenza di insegnanti nella scuola elementare. Le conoscenze in merito a tali percorsi sono tuttavia ancora scarse. Quante persone decidono di frequentare una formazione per diventare insegnante dopo avere concluso una formazione professionale di base? Quali itinerari sono percorribili? Quali ostacoli devono essere superati? Quali fattori agevolano il cammino verso questa ulteriore qualificazione professionale? I risultati del presente contributo mostrano che circa un sesto dei diplomati della scuola secondaria II che intraprendono una formazione come insegnante proviene da una precedente formazione professionale di base. Le analisi dei dati quantitativi e qualitativi indicano tuttavia come, per queste persone, le vie di accesso alle alte scuole pedagogiche siano spesso complesse e poco chiare. Un ruolo importante è altresì giocato da fattori quali il sesso, la specifica formazione professionale precedentemente completata (con un numero più o meno alto di ore scolastiche) e la permeabilità tra i diversi settori formativi.

Diminuzione significativa dei posti di lavoro caratterizzati da attività di routine automatizzabili

In che modo la digitalizzazione si ripercuote sul mercato del lavoro svizzero?

Christian Gschwendt

I computer, i robot e l’intelligenza artificiale possono svolgere sempre più attività lavorative precedentemente svolte dall’uomo. Se negli Stati Uniti già un numero massiccio di lavoratori ha perso il proprio lavoro perché è stato sostituito da tecnologie digitali durante i periodi di crisi, in Svizzera i cambiamenti appaiono più graduali e meno dolorosi. Ciò è probabilmente dovuto innanzitutto al sistema di formazione professionale elvetico, che si orienta all’occupazione preparando attivamente i giovani alle professioni e fornendo loro le corrispondenti competenze. Anche in Svizzera, le opportunità di promozione e di reinserimento delle persone con un livello di formazione medio-basso sono in ogni caso peggiorate. Politiche attive in materia di formazione e di mercato del lavoro sono pertanto sempre più necessarie per contrastare le conseguenze economiche, politiche e sociali indesiderate della crescente digitalizzazione.

Rete di aziende formatrici Jomb sfrutta le possibilità della tecnologia informatica

Con noi, anche le piccole aziende possono formare apprendisti

Daniel Fleischmann

Le reti di aziende formatrici, vale a dire quelle reti grazie a cui è possibile lo svolgimento di un apprendistato presso diverse aziende, esistono già da molto tempo. Jomb sta oggi trasformando questa idea in una vera e propria impresa, sfruttando le possibilità offerte dalla tecnologia informatica per l’automatizzazione di molti compiti di amministrazione e di comunicazione. Il potenziale appare molto promettente.

Analisi degli esami scritti nell'area disciplinare di economia e società dell'apprendistato per impiegato di commercio

Grosse differenze nella determinazione delle note dei luoghi di formazione

Philipp Spengler

Per la prima volta una ricerca scientifica ha sottoposto a indagine gli esami che costituiscono la base per la determinazione delle note dei luoghi di formazione nell’area disciplinare di economia e società dell’apprendistato per impiegato di commercio. Lo studio conclude che, a causa delle differenze riscontrate nel campione, i diversi esami e le diverse corrispondenti note dei luoghi di formazione non possono essere considerate fra loro equivalenti. Sono state infatti riscontrate differenze tra le regioni linguistiche (Svizzera tedesca, Svizzera francese/Ticino), tra le diverse scuole e perfino internamente alle singole scuole. Di seguito vengono descritti i problemi individuati e formulati alcuni suggerimenti, anche e soprattutto in vista dell’attuale riforma della formazione commerciale di base.

Intervista sul Rapporto sul sistema educativo 2023 con il direttore Stefan C. Wolter

La formazione professionale di base perde terreno

Daniel Fleischmann

Il Rapporto sul sistema educativo è probabilmente la più importante pubblicazione scientifica sulla formazione in Svizzera. In esso vengono raccolti e commentati i dati più significativi provenienti dalle statistiche, dalla ricerca e dagli organi amministrativi. Per quanto riguarda la formazione professionale, alcuni dei risultati dell’ultimo rapporto 2023 sono sorprendenti. Per esempio, emerge che solo circa la metà dei giovani frequenta una formazione professionale di base direttamente dopo aver completato la scuola dell’obbligo. Oltre a ciò, il rendimento scolastico risulta determinante per i futuri successi formativi. Come afferma Stefan C. Wolter, direttore del rapporto, basta dare un’occhiata alla situazione della formazione professionale superiore per rendersi conto che la politica si sta occupando dei problemi sbagliati.

Un caso di studio tratto dalla formazione professionale di base per le professioni di elettricista

La realtà virtuale al servizio dello sviluppo delle competenze professionali

Martin Berger, Katrin Kraus, Thomas Keller, Elke Brucker-Kley, Janick Michot & Reto Knaack

La “prima verifica” di un impianto elettrico è una competenza cruciale che deve essere posseduta dagli elettricisti professionisti. Tuttavia, il suo apprendimento pone sfide considerevoli ai centri di formazione, come dimostrano i preoccupanti risultati delle procedure di qualificazione. Un progetto di innovazione interdisciplinare dell’Alta Scuola Pedagogica di Zurigo e dell’Università di Scienze Applicate ZHAW affronta questo problema sfruttando il caso della prima verifica degli impianti elettrici per indagare il potenziale della realtà virtuale (VR) nella formazione. Nel progetto è stato sviluppato il prototipo di un ambiente di apprendimento VR rivolto agli apprendisti del settore, valutandone quindi gli effetti nell’ambito di uno studio sul campo.